Prima Guerra Mondiale

Fin dall’inizio la guerra non andò secondo le previsioni…e l’ipotesi di un GUERRA LAMPO si rivela un fallimento.

1914 In Belgio i tedeschi, violando la sua neutralità, trovano una certa resistenza, mentre   i russi intervengono in PRUSSIA E GALIZIA, e  già  in ottobre  la guerra di movimento si trasforma in guerra di trincea che significa guerra di macello, perchè l’uso innovativo delle mitragliatrici falcidia i soldati che escono dalla loro postazione, senza permettere avanzate.

GUERRA DI TRINCEA significa quindi  guerra di logoramento, di massacro, dove le truppe vengono messe a durissima prova; molti soldati impazziscono, ricorrono all’autolesionismo oppure al suicidio.

LE BATTAGLIE PRINCIPALI si possono  così riassumere: LA BATTAGLIA DI VERDUN che si rivela un massacro di uomini per una conquista irrisoria; LA BATTAGLIA DELLA SOMME lo stesso, un massacro di uomini e poco guadagno; LA BATTAGLIA DI PASSCHENDAELE ancora uguale, un massacro e nessun guadagno.

A questo punto si cerca di portare lo scontro sul mare, ma anche qui con poco successo.

L’Inghilterra cerca di opporre il BLOCCO NAVALE, per impedire l’arrivo di cibo alla Germania; la Germania risponde con una GUERRA SOTTOMARINA  che arriva all’affondamento del LUSITANIA, una nave che portava molti passeggeri STATUNITENSI. Questo disastro crea un risentimento americano verso i tedeschi.  Gli  USA DECIDONO DI SCHIERARSI   a fianco dell’intesa.

Solo sul fronte orientale la guerra rimane guerra di  movimento , tuttavia a seguito dell’ARRETRATEZZA dell’esercito RUSSO, la Russia  subisce molte perdite e si genera un forte MALCONTENTO POPOLARE..

Quando nel 1917 esplode poi la RIVOLUZIONE INTERNA CON LA STRAGE DEL SISTEMA ZARISTA, la Russia decide di uscire  dal  conflitto, che abbandona con gravi perdite di territori, sotto la guida stessa di LENIN rientrato dell’esilio e messo  a guida dei BOLSCEVICHI.

Nel frattempo nei BALCANI entrano in scena I GIOVANI TURCHI che si schierano con AUSTRIA E GERMANIA.

Purtroppo L’IDEA in sé  positiva di creare uno stato laico e non più  teocratico sottomesso alla legge della sharia  si scontra con la volontà  di eliminare FISICAMENTE LA MINORANZA ARMENA. Sono i TURCHI a sterminare milioni di Armeni, generando  il termine GENOCIDIO,  o con la violenza fisica  o con l’isolamento, abbandonando in territori ostili  donne anziani e bambini senza cibo e senza nessuna possibilità  di sopravvivenza.

Ancora oggi la Turchia nega questi fatti, con il NEGAZIONISMO DI STATO, per ragioni soprattutto pratiche, altrimenti dovrebbe RISARCIRE le vittime di quel disastro.

BATTAGLIA DI GALLIPOLI, CADUTA DELLA SERBIA, QUESTIONE ARABA E …..FRONTE ITALIANO

Sul fronte italiano si combatteva ormai una guerra senza motivazione, dove dilaga il DISFATTISMO, la voglia di disertare e un comando autoritario che manda a morire i suoi uomini senza saperli motivare alla lotta.

Si arriva in questo modo alla disfatta di  CAPORETTO, e tutto per colpa del GENERALE CADORNA.

Cadorna viene destituito e al suo posto viene nominato il generale  ARMANDO DIAZ.

Finalmente la situazione in quel momento disperata si rovescia; DIAZ riesce a motivare i soldati, promette la fine della guerra e una riforma agraria  che avrebbe dato un futuro ai  contadini.

AVVIENE IL MIRACOLO DELLA  BATTAGLIA DEL PIAVE, e finalmente si arriva alla fine della guerra.

testi/cinema utili di approfondimento

le poesie di Ungaretti, che da interventista diventa poeta della guerra e antimilitarista

La grande guerra di Monicelli  e La masseria delle allodole (sul genocidio armeno)

RIFLESSIONI

Il primo conflitto mondiale costa circa 8 milioni di morti, 21 milioni di feriti e 7 milioni di dispersi…

In questa guerra vengono mandati minorenni arruolati come carne da macello

Gli uomini al fronte e le donne rimaste in città fanno la parte degli uomini lasciata vuota. Questo  determina l’unica nota  positiva del conflitto, cioè l’emancipazione femminile di fatto e la nascita del movimento delle Suffragette, ossia le donne che chiedono il diritto di voto femminile  accanto al suffragio maschile.

Altra nota di merito è data anche dal fatto che uomini del sud e uomini del nord si trovano a combattere e a spesso morire l’uno accanto all’altro, e questo va  a  creare un’unità di popolo  e una coscienza nazionale  che prima mancava.

La guerra fu guerra tecnologica e non solo di semplice fanteria. Causa una serie di mutamenti nella società e nella gestione dello Stato; per esempio, in campo alimentare fu imposto il RAZIONAMENTO DEL CIBO e la semina di prodotti agricoli funzionali a sfamare le truppe; in campo industriale si sviluppò l’industria metallurgica e meccanica funzionale all’ARMAMENTO BELLICO; tutto il sistema economico in generale viene  pianificato in funzione della guerra, la stessa informazione viene pilotata verso l’arruolamento volontario dei giovani, e viene proibito ogni dissenso che potesse gettare discredito sul ruolo  dei politici allora al governo.  Quando le cose sembrano potere arrivare alla conclusione, lo stesso Turati rimasto sempre contrario al conflitto decide di partecipare per accelerare l’arrivo dei trattati di pace.

I TRATTATI DI PACE

Vengono guidati dall’imparzialità del Presidente americano WILSON, con la rappresentanza dei paesi vincitori, ossia Usa, Inghilterra, Francia e Italia. Purtroppo il PATTO SEGRETO di LONDRA non viene riconosciuto come valido, soprattutto alla luce del principio che ASSERIVA IL PRINCIPIO DI SOVRANITA’ DEI POPOLI  liberi di decidere a quale paese appartenere.

Si parla di guerra MUTILATA cioè di avere combattuto una  guerra dolorosissima senza neanche avere portato a casa il beneficio per cui si era combattuto. In questo clima nascerà il risentimento italiano che porterà al fascismo.

I trattati di pace vedono anche nascere   L’Organizzazione  delle Nazioni unite (ONU), che però nasce già con gravi dissensi interni.

Da parte dei francesi emerse un sentimento di VENDETTA verso la Germania sconfitta, che vollero imporre alla nazione tedesca condizioni ASSURDE ED IMPOSSIBILI, tali da determinare in sè quella che sarà la ragione prima dell’esplosione del secondo conflitto. La Germania perde enormi possedimenti e viene condannata a pene economiche gravissime ed umilianti.

Questa tesi viene sostenuta da un grande economista,  JOHN  KEYNES, che  collaborerà  alla riforma del sistema capitalistico  durante la crisi del ’29, riuscendo a risanarlo  senza distruggerlo. Il principio keynesiano di fondo è quello di CREARE LAVORO  grazie al MASSICCIO INTERVENTO DA PARTE DELLO STATO.  In questo frangente non viene ascoltato ma addirittura accusato di essere filotedesco.