Archivi categoria: metacognizione

Lezione di pedagogia

Lev Vygotzskji  

 

Machiavelli

machiavellimachiavelli-copy

L’intelligenza dei bambini

https://gianlucalopresti.net/2016/10/29/bambino-dislessico-dice-faccio-da-me-ed-il-risultato-e-strepitoso-3-insegnamenti/

E’ un racconto ordinario che spiega come ci si deve fidare quanto basta  dell’intelligenza  spontanea dei bambini, soprattutto se li mettiamo nelle condizioni di “Fare da sè”,   come tanto raccomandava la stessa Montessori…

Se mettiamo il bambino in grado di orientarsi, il bambino risponde, fa, scopre, si diverte, cammina con le sue gambe…

 

L’AID sul territorio…Io ci sono

Esempio di griglia per l’autovalutazione

 

questionario_docenti  per un lavoro metacognitivo

 

PROSA E POESIA

DIFFERENZA TRA PROSA E POESIA

DIFFERENZA TRA PROSA E POESIA

gli stili di apprendimento di Kolb

Qual’è il tuo stile di apprendimento?  Sei un divergente o un convergente?  Un assimilatore o un  accomodante?  Risponditi e riuscirai a studiare meglio.

Se sei un divergente, sei un creativo e forse un giorno scoprirai un nuovo sistema  di fare qualcosa o ci lascerai un’opera d’arte a  memoria  di te  nel tempo.  Sei un convergente? Allora forse ti aspetta la direzione di una grande multinazionale o di un complesso organismo di strutture….Ma se sei un assimilatore potresti  incapparti  in   un ardito  nuovo programma informatico gestionale  che solo tu sei in grado di    orchestrare.  Infine se sei un  accomodante, forse non avrai grandi ambizioni, ma di sicuro possiedi l’arte di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno e non certo mezzo vuoto, e mentre altri potrebbero disperarsi,  tu  rimani    capace  di  cadere sempre in piedi.

Vedere anche la mappa integrata con le teorie di Hunt

e quindi è giusto domandarsi  sulle modalità di studio:

 

 

 

le sei tecniche del co-teaching

Se solo potessimo applicarla, io sosterrei immediatissimamente questa metodologia, che per il momento viene molto utilizzata  nei paesi anglosassoni.

In cambio di essa bisogna accontentarsi   di  fare  con i nostri  alunni quello che vorremmo potere realizzare anche  con altri colleghi in classe.

Ossia diventare dei grandi esperti in   gestione della classe.