Archivio mensile:luglio 2016

Educazione tra pari

L’Empowered peer education come modello di educazione tra pari

Se ne parlava già dagli inizi anni 2000, ma molto è rimasto solo sulla carta.

 

Video ANT

Devi creare una video lezione con uno strumento facile e intuibile?

Gestisci la tua classe sullo stile  Classe capovolta?

Allora questo software free può essere essenziale

DECIDERE PER RISOLVERE

Si immagini che un governo che deve affrontare un’epidemia. 600 persone rischiano di morire. Vi sono due programmi. Se venisse adottato il programma A si salverebbero 200 persone, se venisse usato il programma B ci sarebbe la probabilità di 1/3 di salvarle tutte e 2/3 di probabilità che muoiano tutte.
Si immagini un governo che deve affrontare un’epidemia. 600 persone rischiano di morire. Se venisse adottato il programma C morirebbero 400 persone, se venisse usato il programma D ci sarebbe la probabilità di  1/3 che non muoia nessuna di esse, e 2/3 di probabilità che muoiano tutte.

Quale programma  sceglieresti?

 

L’insight

Una donna che abitava in un piccolo paese sposò venti uomini diversi del luogo. Tutti sono ancora viventi e non ha mai divorziato da nessuno di loro; eppure non ha violato la legge. Come è possibile?

Trova la tua risposta creativa

 

Il problem solving

Tre monaci e tre cannibali si trovano sulla riva di un fiume: tutti devono attraversare il fiume per giungere all’altra sponda. A questo scopo dispongono di una piccola canoa su cui possono trovare posto solo due persone. Se il numero di cannibali in una delle due sponde supera il numero di monaci, i cannibali divorano i monaci. Come si può fare affinché tutte le sei le persone giungano sull’altra sponda, garantendo che i cannibali non divorino i monaci?

Risolvere questo problema

La storia di Barlett

Teoria di Barlett

la storia alla prima rievocazione:

“Una notte due giovani di Egulac si recarono al fiume a caccia di foche e, mentre si trovavano là, scese la nebbia e l’aria diventò stagnante. Udirono allora grida di guerra e pensarono: “forse si tratta di una spedizione di guerra”. Scapparono verso la spiaggia e si nascosero dietro ad un tronco. C’erano delle canoe che risalivano il fiume, ed essi potevano udire il rumore delle pagaie e videro una canoa che si dirigeva verso di loro. Dentro c’erano cinque uomini ed uno di loro disse: “che cosa ne dite? Vogliamo portarvi con noi. Stiamo risalendo il fiume per andare a fare la guerra alla gente.” Uno dei due giovani disse : “Ma non possiedo frecce” “le frecce sono nella canoa” risposero. “Io non verrò. Potrei essere ucciso. I miei non sanno dove sono andato. Ma tu – disse, rivolgendosi all’altro, – potresti andare con loro”. Così uno dei due giovani andò, mentre l’altro tornò a casa. E i guerrieri continuarono su per il fiume, fino ad una città all’altro lato del Kalama. La gente scese vicino all’acqua, incominciarono a combattere e molti vennero uccisi. Ma ben presto il giovane sentì dire da uno dei guerrieri: “Presto, torniamo a casa: l’Indiano è stato colpito”. Allora pensò: “Oh, sono fantasmi”. Non sentiva dolore, ma dicevano che era stato colpito. Le canoe tornarono a Egulac e il giovane tornò alla sua casa alla spiaggia e accese il fuoco. E raccontò a tutti: Pensate, ho accompagnato i fantasmi e sono andato a combattere. Molti dei nostri compagni sono stati uccisi, come anche molti di coloro che ci attaccarono.” Raccontò tutto questo e poi si calmò. Quando il sole sorse, cadde a terra. E qualcosa di nero gli venne fuori dalla bocca. Il suo volto si contrasse. La gente balzò in piedi e gridò. Era morto.”

e si veda ora la  storia narrata   alla decima rievocazione:

“Due indiani erano a pesca di foche nella baia di Momapan, quando si fecero avanti altri cinque indiani in una canoa da guerra. “Venite con noi – dissero i cinque ai due – a combattere”. “Non posso venire – fu la risposta di uno – perché ho una vecchia madre a casa che dipende da me”. Anche l’altro disse che non poteva venire perché non aveva armi. “Questa non è una difficoltà – replicarono gli altri – perché ne abbiamo in abbondanza con noi sulla canoa”; così egli entrò nella canoa e andò con loro. Poco dopo, in una battaglia, l’Indiano ricevette una ferita mortale. Ritenendo che fosse venuta la sua ora, gridò che stava per morire. “Sciocchezze — disse uno degli altri – non morirai. Invece morì.”  

Che cosa è accaduto? La nostra memoria lavora ai fini di agevolare la comprensione del testo: i dettagli non capiti sono più facilmente eliminati, altri particolari possono essere aggiunti o cambiati al fine di rendere le storie più plausibili e più comprensibili ai nostri schemi mentali.
Ma quali sono i passaggi che consentono di memorizzare un’informazione ed essere poi in grado di richiamarla quando necessario? Nell’elaborazione mnestica è necessario distinguere tre processi o fasi:

1) la codifica (encoding), attraverso la quale l’input in ingresso viene trasformato nel tipo di codice o rappresentazione che la memoria accetta e riconosce;
2) l’immagazzinamento (storage), che consiste nell’attività di mantenere in memoria l’informazione codificata;
3) il recupero (retrieval), che corrisponde alla fase in cui l’informazione viene ritrovata per essere utilizzata.

Compiti di conservazione