ritardo mentale

CASO: Quinta elementare. Bambina con grave ritardo mentale dovuto a malattia genetica rara.

Scarsa autonomia, motricità fine deficitaria, problemi nella deambulazione. Problemi di linguaggio

che risulta essere limitato a un bagaglio espressivo di circa cinquanta parole. Genitori separati,

padre assente in quanto fisicamente distante, madre presente ma con altra famiglia e figli piccoli di

quattro e due anni.

 

DOMANDA: descrivi una programmazione metodologica e i relativi interventi didattici per

l’alunna disabile. Definisci strategie di intervento e tipologie di valutazione. Stabilisci un obiettivo

per la classe e le relative modalità di intervento e valutazione. Spiega quali metodi didattici

innovativi possono essere applicati.

Ovviamente la bambina ha il suo Pei, che la segue passo dopo passo, ma l’obiettivo prioritario è quello di potere vedere dei piccoli miglioramenti, in qualunque ambito essi possano manifestarsi, dovessero anche essere solo quelli relazionali o comunicativi…

Le massime potrebbero essere:

  • Non lasciarla mai isolata
  • Non estraniarla mai dalla classe se non per lo stretto necessario
  • Stimolarla in continuazione con lo stesso tessuto relazionale rappresentato dalla classe
  • Costruire piccoli momenti di autonomia/protagonismo   che dessero la propria  specifica abilità al gruppo classe che deve imparare a convivere con la diversità così come la diversità deve imparare a convivere  con se stessa ed il gruppo
  • Colloqui regolari con la famiglia per tenere sotto controllo la situazione, affinchè rimanga stabile
  • Assisterla secondo le esigenze di percorso, con colloqui mirati, con attività mirate, in grado di motivare, incoraggiare, sostenere, impegnare (tutto dipende dalla sua diagnosi funzionale, da quello che suggeriscono gli stessi medici e specialisti, da quello che la stessa famiglia potrebbe suggerire, che però nello specifico risulta essere mancante e quindi va supportata  in questo)
  • Strumenti compensativi, o misure dispensative anche drastiche, o misure accrescitive, tutto quello che può essere utile allo sviluppo della persona nella sua complessità, oltre le ovvie misure assistenziali dovute a chi non deambula correttamente e ha problemi seri di mobilità, come in questo caso, per cui si richiede l’affiancamento specifico dello stesso collaboratore scolastico ai sensi della 331/2001
  • Potere consegnare alla fine dell’anno una scheda precisa delle lifeskills conseguite in modo da consegnarle al grado di scuola successivo come carta di ingresso da cui ripartire, ossia tracciare tutto quello che accade e viene perseguito
  • Ragionare sempre in un’ottica di gruppo classe, dove la bambina disabile diventa la mascotte adottata da tutti, una specie di presenza difficile e faticosa che necessita dell’accettazione del contesto, ma che è nello stesso tempo occasione di riflessione, di crescita collettiva, di apprendimento partecipato; il gruppo deve porsi come il dominante che si fa carico della propria realtà collettiva, ma che non si ferma all’handicap in quanto tale; l’handicap è solo la presenza visibile del diverso, ma poi ognuno di noi è diverso da tutti per qualche cosa;  se un handicap è visibilmente quello che non posso fare, la invisibile diversità di ognuno deve diventare visibilmente il  talento  che decidiamo di mettere al servizio di tutti.
  • Infine, handicap visibile non significa solo ciò che non so fare, ma ciò che nonostante il mio handicap io so essere, so esprimere, so partecipare. Certo, è tutto un tessuto emotivo e interiore che difficilmente può essere reso sulla carta, nè relazionato in astratto. Qui conta soprattutto il fare concretamente e poi solo dopo tradurre l’agito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...